top of page

ANTIDOPING

Sostanze vietate e controlli antidoping

Lista delle sostanze e metodi proibiti

Nel triennio 2002-2004, il primo Decreto ministeriale 15 ottobre 2002, di attuazione della Legge 376/2000, approvava la “lista delle sostanze vietate per doping”. Tale lista veniva di volta in volta aggiornata con vari DM di “modifica” (30 dicembre 2002, 10 luglio 2003, 16 gennaio 2004).
La revisione annuale successiva trae legittimazione pratica dal fatto che la WADA (World Anti-Doping Agency) aggiorna ogni anno, a partire dal 2004 (posteriormente alle prime liste italiane), la lista alla quale quella italiana fa riferimento.

A partire dal DM 13 aprile 2005, quindi, la lista delle sostanze e pratiche mediche, il cui impiego è vietato per doping, viene aggiornata ogni anno, sostituendo i precedenti DM in materia.

Leggi il testo del Decreto ministeriale 28 giugno 2022 - Revisione della lista dei farmaci, delle sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e delle pratiche mediche, il cui impiego è considerato doping, ai sensi della legge 14 dicembre 2000, n. 376

e gli allegati:

PROVVEDIMENTI

FISD può in qualunque momento invitare l'atleta a sottoporsi ad esame di laboratorio ANTIDOPING ove se ne riscontrasse la necessità.

In caso di esito NEGATIVO i costi degli esami sono a carico della Federazione, in caso di esito POSITIVO, FISD infliggerà all'atleta 1(un anno) di STOP dall'attività agonistica federale nazionale ed internazionale più il pagamento degli esami antidoping eseguiti.

Benemerene maetri e giudici
Membri onorari
bottom of page